Tag Archives: 2006

  • 0

2006 – Referendum Costituzionale

Tags : 

Referendum Costituzionale

Referendum Costituzionale -25 e 26 Giugno 2006

NO alla riforma della Costituzione
PERCHE’?

Noi l’abbiamo studiata
Percorso di Approfondimento

AIUTIAMO A SALVARE LA COSTITUZIONE

La lunga rissa scatenata contro la Costituzione e sfociata nella cosiddetta DEVOLUTION cela “un piano di rottura dell’idea stessa di ‘Repubblica’, idea che trova svolgimento nei principi fondamentali scritti nella Costituzione. Principi valoriali che, però, non sono stati creati dalla Costituzione, ma da essa solo ‘riconosciuti’ e codificati. ‘Scritti ’ così come erano stati vissuti nella storia degli italiani…”; un “ attacco alla struttura unitaria dell’organizzazione della Repubblica, ai suoi equilibri, alle sue garanzie, al suo stesso funzionamento…”. (A. Manzella)

Leggiamo soltanto questi articoli che fanno parte dei Principi Fondamentali

Articolo 3

“…E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all ’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Articolo 5

“La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi e i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento ”.

Affermare che non sono stati modificati né i Principi Fondamentali, n é i Diritti e doveri dei cittadini, ma soltanto la seconda parte che riguarda l’ Ordinamento della Repubblica, significa aver fatto della nostra Costituzione una lettura poco attenta o volutamente superficiale.
In realtà, operando sulla seconda parte, si altera completamente il significato e la sostanza delle parti precedenti, poiché le modifiche che si introducono vanno contro quei principi e quei valori che  caratterizzano la nostra Carta.
Guardiamo la storia d’Italia dall’Unità (1860) alla nascita della Repubblica (1946).
Lo Statuto Albertino restò in vigore anche durante il Regime fascista. Non fu necessario abolirlo: vennero emanate leggi in contrasto con lo Statuto, ma poiché nessuna istituzione statale aveva il potere di opporsi, esse divennero formalmente legali. Mancavano gli organi di garanzia costituzionale. Unico garante era il Re, che per debolezza o per calcolo, non le impugnò e le accettò. Si arriv ò alla Dittatura ed anche ad emanare le “Leggi razziali” (1938).

Ebbene, la Riforma che dobbiamo respingere altera proprio il sistema delle garanzie, agendo sulla figura del Presidente della Repubblica e compromettendo l ’autonomia della Corte Costituzionale dal potere politico.
Noi che la Costituzione l’abbiamo sempre insegnata e, studiandola, apprezzata nella sua funzione essenziale di Regola fondante della nostra democrazia, non possiamo non provare sgomento di fronte allo stravolgimento che ne viene proposto.

(Gruppo di Didattica della Storia. Istituto di Storia Contemporanea. Ferrara)

Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara

La Costituzione 				 Italiana Gazzetta Ufficiale  27 dicembre 1947

La Costituzione della Repubblica Italiana (1948)

SEZIONE II

Revisione della Costituzione

Leggi costituzionali

Art. 138

Le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali … sono sottoposte a referendumpopolare quando … ne facciano domanda cinquecentomila elettori …

La Devolution (2005):
Si tratta di “riforma, non di revisione”.
Si rivoluziona l’assetto democratico del paese, modificando 55 articoli.
I cambiamenti attuati alla Parte II della Costituzione (Ordinamento della Repubblica) incidono profondamente sulle competenze istituzionali garanti della democrazia e dei principi di uguaglianza fra i cittadini.

Cosa cambia

  • Vengono meno le garanzie per i cittadini rispetto al potere politico, attraverso lo stravolgimento del sistema di ripartizione delle competenze istituzionali.
  • Capo  dello Stato :
  • scioglie le Camere solo su richiesta del “Premier” (di fatto questo potere gli viene tolto);
  • non rappresenta più l’ “Unità Nazionale”, ma l’ “Unità Federale della Repubblica”;
  • non ha più il potere di nominare il Primo Ministro (Premier).
  • Corte Costituzionale:
  • I giudici restano 15, ma cambia la fonte della nomina: 7 eletti dal Parlamento (3 dalla Camera, 4 dal Senato Federale); 4 dal Capo dello Stato; 4 eletti dai magistrati. (Non più un terzo per istituzione). Il sovrappeso (della maggioranza) delle nomine di derivazione politica compromette l’autonomia della Corte Costituzionale.
  • Premier:
  • Diventa “Premier” di diritto il candidato della coalizione che vince le elezioni;
  • Non c’è più bisogno del voto di fiducia del Parlamento per il suo insediamento;
  • Determina” (non più “dirige”) la politica del Governo;
  • nomina e revoca i ministri;
  • ha il potere di chiedere al Capo dello Stato di sciogliere le Camere.
  • Parlamento:
  • abolito il bicameralismo perfetto con l’introduzione del Senato Federale;
  • annullata l’unità del potere legislativo;
  • si complica il processo di formazione delle leggi, ripartito in diverse materie di competenza (o Camera o Senato o entrambi).
  • Viene messa a rischio l’uguaglianza formale e sostanziale dei cittadini attraverso la DEVOLUTION:
  • Alle Regioni passa la Legislazione “ESCLUSIVA” per:
  • Assistenza e organizzazione sanitaria;
  • Organizzazione scolastica e definizione della parte dei programmi scolastici di interesse specifico delle Regioni.


  • 0

2006 – Presentazioni di Libri

Tags : 

Presentazione di Libri

Iniziative Istituto di Storia Contemporanea per 25 aprile 2006

  • 20 aprile, ore 10,50Istituto Tecnico “Copernico-Carpeggiani”
    Presentazione del libro di A. Maria Quarzi – Delfina Tromboni La Resistenza a Ferrara 1943-1945. Lineamenti storici e documenti
  • Presentazione del libro di Antonella Guarnieri Dal 25 luglio a Salò. Ferrara 1943. Nuova interpretazione della “lunga notte” in varie biblioteche della provincia

  • 0

2006 – Giornate di Studio

Tags : 

Giornate di Studio

  • 29 aprile 2006 ore  9,30 / 18,00

    Giornata di studio

    > 1906-2006
    Enrico Mattei nel centenario della nascita
    Il comandante partigiano,
    l’uomo politico, il manager di stato

    Biblioteca Comunale  “Bassani”
    Via Grosoli 42 – Ferrara
    Per informazioni: Istituto di Storia Contemporanea, tel 0532 207343
    Biblioteca Bassani ore 9.30
    Interventi
    Gaetano Sateriale,  Sindaco di Ferrara
    Pier Giorgio Dall’Acqua,  Presidente della Provincia di Ferrara
    Presiede: Anna Maria Quarzi, direttrice Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara

    Un leader dimenticato del movimento di liberazione?
    Andrea Rossi, Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara

    Enrico Mattei nella storia della DC: appunti per una ricostruzione
    Leonardo Raito, Università di Ferrara

    L’amicizia fra Enrico Mattei e G. B. Montini,  cardinale di Milano.
    Paolo Gheda, Università Valle d’Aosta

    Il problema degli idrocarburi nell’ Italia nel dopoguerra
    Matteo Troilo, Università di Verona

    discussione

    ………………………  buffet  ……………………………

    ore 15,30

    Presiede: Michele Zaccaro, direttore stabilimento “Polimeri Europa” di Ferrara

    L’ Italia in Iran dalla missione Carafa al contratto Eni-Nioc
    Ilaria Tremolada, Università di Milano

    Enrico Mattei e la Cina
    Guido Samarani, Università di Venezia

    Relazioni internazionali, affari economici, guerra fredda:
    una riflessione sulle scelte di Enrico Mattei
    Deborah Sorrenti, Università di Roma

    L’archivio dell’Eni
    Lucia Nardi, Archivio storico Eni

    Conclusioni

    Ore 21
    Proiezione del film Il caso Mattei di Francesco Rosi

    Visite guidate ai luoghi della memoria nel mese di aprile


  • 0

2006 – Incontri in Collaborazione con altri Istituti

Tags : 

Incontri in Collaborazione con Altri Istituti

    GIOVEDI’ 23 FEBBRAIO
    A cura dell’Archivio di Stato
    Palazzo Borghi (corso Giovecca 146)
    Ore 16.30

  • 1938-1945. LA COMUNIT EBRAICA A FERRARA ATTRAVERSO GLI INEDITI DEL FONDO PREFETTURA E QUESTURA
  • Conferenza a cura di Antonietta Folchi e Davide Guarnieri

    Programma delle manifestazioni celebrative del 60° anniversario della fondazione della Repubblica

  • giovedi 25 maggio – Salone d’onore Palazzo Municipale
    A cura del CSA Ferrara, dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Ferrara e della provincia, dell’Istituto di storia Contemporanea, dell’ANPI e dell’APC
    ore 18,00 – Premiazione degli studenti partecipanti al concorso Sessant’anni di
    Repubblica. Sessant’anni di voto alle donne alla presenza dell’On. Marisa
    Rodano e del prof. Roberto Bin dell’Università di Ferrara
  • giovedi 1 giugno – Castello Estense
    ore 18,00 – Seduta solenne congiunta del consiglio provinciale e dei consigli comunali della provincia
    alla presenza del prof. Leopoldo Elia
    A cura della Provincia, dell’Istituto di Storia Contemporanea, dell’UDI, del CIF e dell’ ANDE
    ore 19,00 – Sala Alfonso I° d’Este – Castello Estense
    Inaugurazione della mostra Voto alle donne
    (La mostra resterà aperta fino al 16 giugno 2006 tutti i giorni dalle ore 9,30 alle ore 17,30)
  • venerdi 2 giugno
    Ricorrenza del 2 giugno: sessantesimo  			 anniversario della nascita della Repubblica

    ore 10,30 – Schieramento interforze
    ore 10,40 – Alzabandiera presso il sagrato del Duomo
    ore 10,45 – Deposizione della corono d’alloro del Prefetto della provincia di Ferrara al
    Monumento della Torre della Vittoria in Piazza Trento Trieste, alla presenza
    delle Autorità provinciali e locali
    ore 18,00 – Ammainabandiera

  • In occasione della festa del 2 giugno sarà presentata la pubblicazione, curata dall’ Istituto di Storia Contemporanea, I Costituenti ferraresi

  • Sabato 3 giugno – Palazzo del Governo
    A cura dell’Archivio di Stato di Ferrara
    Apertura al pubblico della mostra Ferrara – la storia, i documenti: il Referendum del 2 giugno ’46 nelle carte di Prefettura e di Questura
    (La mostra resterà aperta fino al 16 giugno 2006 tutti i giorni nei seguenti orari: dalle 9,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 17,00)

  • 0

2006 – Giorno della Memoria

Tags : 

Giorno della Memoria 2006

Comitato provinciale 27 gennaio

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI DEL “GIORNO DELLA MEMORIA” IN RICORDO DELLO STERMINIO E DELLE PERSECUZIONI DEL POPOLO EBRAICO E DEI DEPORTATI MILITARI E POLITICI ITALIANI NEI CAMPI NAZISTI

  • MERCOLEDI’ 25 GENNAIO
    A cura dell’ Università degli Studi di Ferrara
    GIORNO DELLA MEMORIA
    Aula Magna della Facoltà di Giurisprudenza (Corso Ercole I d’Este, n. 37)
    Ore 15,30
    INTRODUZIONE del Magnifico Rettore Patrizio Bianchi
    Parte prima
    L’UNIVERSITA’ DI FERRARA NEGLI ANNI DELLE LEGGI RAZZIALI
    a cura di: Giovanni Grippo, Marcella Ravenna, Michele Sacerdoti, Alessandro Somma – Università di Ferrara
    LA COSTRUZIONE DELL’IDEOLOGIA RAZZISTA NELLE PAGINE DEL “CORRIERE PADANO”
    Marcella Ravenna e Alessandra Roncarati Università di Ferrara
    I RAPPORTI CON FASCISMO E NAZISMO INTESSUTI DALLA FACOLTA’ DI GIURISPRUDENZA
    Alessandro Somma Università di Ferrara
    IL CONTRIBUTO DELLA PSICOLOGIA RAZZIALE DI MARIO FRANCESCO CANELLA
    Chiara Volpato Università di Milano-Bicocca
    NOTIZIE DELLA SHOAH presentazione del volume di Sara Fantini
    Parte seconda
    RECITAL DI POESIA ISRAELIANA
    con accompagnamento di musiche kletzmer e sefardite
    IL SEGRETO DEL POTERE
    Autori: Dan Pagis, Meir Wieseltier
    AL FEMMINILE
    Autrici: Rachel,Lea Goldberg, Zelda,Yana Wallach, Amira Hass, Dalia Ravikovitch, Elisheva, Esther Raab,Yochevet Bat Miriam, Leaah Aini
  • GIOVED 26 GENNAIO
    A cura della Provincia di Ferrara in collaborazione con Comunità Ebraica di Ferrara e Amici dei Musei di Ferrara
    Sala dei Comuni – Castello Estense
    Ore 16.30

    Coordina:
    Gianni Venturi – Associazione Amici dei Musei
    Saluto del Presidente della Provincia Pier Giorgio Dall’Acqua
    Presentazione e proiezione del video di Leopoldo Gasparotto FERRARA. I GIORNI DELLA SHOAH
    alla presenza dell’autore
    TESTIMONIANZE di Geri Bonfiglioni, Vice Presidente della Comunità Ebraica e di Franco Schonheit, reduce dal campo di concentramento di Buchenwald
    Presentazione del libro di David Meghnagi RICOMPORRE L’INFRANTO. L’ESPERIENZA DEI SOPRAVVISSUTI ALLA SHOAH (Marsilio, 2005)
    A cura di Anna Maria Quarzi, Istituto di Storia Contemporanea
    Sarà presente l’autore
    Intervento conclusivo del Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Ferrara Luciano Caro
  • VENERD 27 GENNAIO
    A cura dell’ Istituto di Storia Contemporanea in collaborazione con il CSA di Ferrara
    IMMAGINI E STORIE DI UN’EUROPA IN OBLIO: IL CINEMA DELLA MEMORIA DIPTER FORGCS
    Sala Boldini (via Previati, 18)
    ore 9,00
    MAELSTROM – A FAMILY CHRONICLE (1997, 60’);
    THE DANUBE EXODUS (1998, 60’)
    Proiezione riservata agli studenti delle scuole medie e superiori
    A cura del Conservatorio di musica “G. Frescobaldi”
    PER NON DIMENTICARE
    Ridotto del Teatro Comunale
    Ore 17.30
    QUATOR POUR LA FIN DU TEMPS di Olivier Messiaen
    Performance per non dimenticare per quartetto strumentale, pittore e voce recitante
    A cura dell’Istituto di Storia Contemporanea
    IMMAGINI E STORIE DI UN’EUROPA IN OBLIO: IL CINEMA DELLA MEMORIA DI PTER FORGCS
    Sala Boldini (via Previati)
    Ore 21.00
    FREE FALL (1966, 75’)
    DUSI JENO (1989, 45’)
    MEANWHILE SOMEWHERE (1994, 52’)
  • SABATO 28 GENNAIO
    A cura dei Servizi di Documentazione Storica del Comune di (c.so Ercole I D’Este 19)
    Ore 9.30
    Inaugurazione della mostra di Gianni Carino
    OLTRE LA NOTTE. UNA STORIA D’AMORE NELLA TRAGEDIA DELLA DEPORTAZIONE TRA FOSSOLI, GRIES E MORINGEN
    A cura del Comune di Ferrara-Circoscrizione Zona Nord, Archivio di Stato di Ferrara, Fonazione Bruno Buozzi, Istituto di Storia Contemporanea
    Sala Nemesio Orsatti (Via del Risorgimento, 4 – Pontelagoscuro)
    Ore 16,30
    Inaugurazione della mostra dedicata a Bruno Buozzi, sarà presente l’ On. GIORGIO BENVENUTO, Presidente della Fondazione Bruno Buozzi,
    A cura dell’Istituto di Storia Contemporanea
    IMMAGINI E STORIE DI UN’EUROPA IN OBLIO: IL CINEMA DI PTER FORGCS
    Sala Boldini (via Previati)
    Ore 16.00
    THE BISHOP’S GARDEN (2002, 50’)
    ANGELO’S FILM (1999, 60’)
    EL PERRO NEGRO (2005, 84’)
  • DOMENICA 29 GENNAIO
    A cura dell’Istituto di Storia Contemporanea
    IMMAGINI E STORIE DI UN’EUROPA IN OBLIO: IL CINEMA DI PTER FORGCS
    Sala Estense (p.zza Municipale)
    Ore 16.00
    MAELSTROM – A FAMILY CRONICHE (1997, 60’)
    THE DANUBE EXODUS (1998, 60’)
    Ore 18.30
    Alla presenza delle autorità cittadine
    INCONTRO CON IL REGISTA PTER FORGCS
  • PDF delle locandine del programma: copertina (247kb) programma (521kb)

    Locandina delle proiezioni sul Cinema di PTER FORGCS

    Nelle scuole di ogni ordine e grado della città e della Provincia vengono organizzate interessanti e numerose manifestazioni per non dimenticare

    Comitato Provinciale 27 gennaio
    Prefettura di Ferrara – Ufficio Territoriale del Governo
    Comune di Ferrara
    Provincia di Ferrara
    Università degli Studi di Ferrara
    Ufficio Scolastico Provinciale – CSA di Ferrara
    Comunità Ebraica
    Istituto di Storia Contemporanea
    Museo del Risorgimento e della Resistenza
    Archivio di Stato di Ferrara
    Associazione Nazionale Partigiani d’Italia
    Associazione Partigiani Cristiani
    Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra
    Associazione Nazionale Combattenti e Reduci
    Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra
    Associazione Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra
    Istituto del Nastro Azzurro
    Italia Nostra
    Conservatorio di Musica “G. Frescobaldi”
    Teatro Comunale